\\ Home Page : Articolo : Stampa
In alta marea sempre bene pescare leggero
Di Marco (del 07/10/2012 @ 11:04:02, in Racconti, linkato 1759 volte)
Ieri sera dopo una giornata lavorativa contraddistinta da un po di problemi, mi sono ritagliato le mie poche orette di pace sulla sponda del Canale di Fiumicino. Sono arrivato quando già il silenzio era sceso e il fiume si presentava bello bello.



Dopo aver fatto tutta la banchina nord per vedere la situazione delle postazioni e aver visto che molti si erano posizionati verso la foce e che la zona dal ponte pedonale a scendere era più libera, ho deciso di fermarmi qui:


Visualizzazione ingrandita della mappa


Ho iniziato a scaricare l'attrezzatura dalla macchina e inizialmente avevo il desiderio di pescare a 7 metri, posizionata la sedia aperte i poggia canna guardavo lo scorrere dell'acqua e si vedeva che andava piano piano.... dentro di me mi sono detto se non cammina sicuramente dovrò pescare sotto la poppa della paranza ormeggiata..... questa cosa non mi attirava molto, non so perché, ma non desideravo pescare sotto la barca, allora ho cambiato ho rimesso nella sacca la sette metri e ho preso la undici metri, a questa ho attaccato il mio Twin Power XTR 2500 con in bobina lo 0,14 Maxima Camelot su questa lenza madre ho messo un tappo a pera da un grammo, ho fatto l'asola e ho collegato una lenza che avevo pronta costruita con pallini molto piccoli n°10,n°11,n°12 il finale del 0,12 maver exel57 e amo del 20 drennan Carbon Match, Adesso sono pronto, ho preso una sonda da 15 grammi collegata all'amo, ho controllato la zona dove la mia esca avrebbe cercato di ingannare le signorine, il fondo risultava omogeneo senza nessun ostacolo.... ho deciso una altezza iniziale cosi per cercare di capire come la mia lenza avrebbe lavorato, anche perché non avevo ancora inserito piombo in più sulla lenza per contrastare la forza della corrente superficiale che anche se minima comunque è sempre presente. Ha questo punto ho innescato il mio cagnotto, bello arzillo, scelto tra quelli nel palmo della mano, per dimensioni e vivacità : - ).
A questo punto ho steso la mia lenza l'assenza di vento facilita l'operazione anche con una lenza cosi leggera...... lo scarso piombo presente fa scendere la lenza molto lentamente, l'entrata in pesca è  molto ritardata, in un paio di minuti la lenza lavora in funzione della corrente, si rende necessario l'inserimento di un po di piombo, decido per un BB (0,4grammi), facendo un conto sui pesi, la spallinata ha un peso di circa 0,8 grammi con l'aggiunta di 0,4 grammi siamo a 1,2 grammi.... a questo punto ho l'impressione di essere in pesca, comincio a pasturare con la fionda, a una distanza di circa 2-3 metri a monte rispetto al tappo.
Tempo una decina di minuti e il tappo parte bello bello.... la ferrata arriva istantanea..... la 11 metri è una canna che lavora in maniera eccezionale,  il pesce non riesce neanche a rendesi conto di ciò che accade ed è subito a galla, il problema maggiore è portarlo al coppo infatti con una canna cosi lunga quando si ha il pesce a galla e si alza la canna per farlo avvicinare al coppo deve uscire molto filo almeno una decina di metri se non quindici, perciò è sempre bene aprire l'anti-ritorno questo ci aiuta a non stressare il filo e ci evita attorcigliamenti : - )
La serata è continuata con grande divertimento molti pesciotti hanno mangiato tanti sono ritornati liberi nel fiume, alcuni invece sono finiti nel secchio..... alle 02:30.... soddisfatto per la serata di pesca ho radunato le mie cose e sono andato a riposare ......

Ecco i pesciotti che ho portato a casa, quattro pesci da sei etti abbondanti l'uno.....