Tecniche
Porti
Spiaggie
Scogliere
Foce
Pasturazione
Itinerari
Link
Attrezzature
Meteo
Maree
Racconti
Home

SPINNING - Minnow 2° parte Senza paletta

di giordaloco

 

Vediamo ora i minnow senza paletta : si possono suddividere in due grandi famiglie : gli affondanti e quelli di superfice che a loro volta si suddividono in una miriade di forme e comportamenti in acqua a secondo del tipo di pesca o di pesce a cui siano destinati.

Iniziamo con gli affondanti : hanno forme più o meno riproducenti dei pesci esca e possono essere costruiti con vari materiali : legno piombato, plastica piombata o direttamente in metallo, l'importante è che abbiano un certo peso sia per affondare che per facilitare il lancio .

I LIPLESS , riproducenti dei pescioli principalmente con una piombatura situata a livello ventrale che li fanno scendere in assetto orizzontale verso il fondo con ondeggiamenti di vari tipi , sia sul'asse che a foglia morta , secondo il tipo di piombatura, durante il recupero vanno animati , perchè, anche avendo qualcuno un leggero movimento proprio necessitano del nostro intervento per presentarsi in un modo attirante.













user posted image


Seguiamo con i JERK (nome che viene usato anche per artificiali con paletta) sono normalmente grossi artificiali affondanti con forme panciute e fianchi piatti con attacco anteriore, hanno un leggero movimento proprio e scendono ondeggiando in vario modo verso il fondo; è una categoria molto vasta che comprende anche forme e dimensioni molto varie






C'è un altro tipo affondante molto simile a quelli sopra ma con l'attacco sul dorso che gli conferisce durante il recupero una posizione a testa inclinata in avanti e uno scodinzolamento molto rapido e nervoso ; possono essere usati sia a spinning che a Ijgging (pesca verticale dalla barca)






user posted image





E per concludere la carrellata ci sono dei modelli completamente in metallo




Ed eccoci al grande quesito : come muoverli nell'azione di pesca . Essendo quasi tutti senza un vero e proprio movimento più o meno va bene la stessa tecnica dell'ondulante; a secondo della piombatura si può prolungare o accorciare il tempo di pausa data la diversa velocità di affondamento e , non avendo la paletta si possono Jerkare più facilmente (recupero a strappetti più o meno frequenti o prolungati) Prestare la massima attenzione nei momenti di pausa perchè molto spesso è lì che il pesce attacca per cui cercare di tenere il filo sempre sotto controllo.

Per il modello con l'attacco dorsale che quasi sempre ha un vivace movimento proprio va bene sia un recupero costante che con accelerate ed eventuali pause corte, un pò come con gli artificiali con paletta , ma tenendo conto del peso: quasi sempre nettamente superiore ai minnow tradizionali.

E' impossibile definire il movimento ottimale per tutti i tipi essendo questi di numero e di forme quasi infinito; come sempre controllare come si muovono e adottare quell'azione che ci sembra la più attirante, mai aver paura di inventare, i pesci sono lunatici. biggrin.gif

Google
 
Web pescaleggero.it

indietro

24-Set-2012